Senato della Repubblica – 4-02764 – Interrogazione sulle numerose anomalie ed irregolarità amministrative poste in essere dall’ENEA e riscontrate anche dalla Corte dei conti.

Senato della Repubblica – 4-02764 – Interrogazione a risposta scritta presentata il 17 gennaio 2020.

 – Ai Ministri dello sviluppo economico, del lavoro e delle politiche sociali e dell’università e della ricerca. – Premesso che, per quanto risulta all’interrogante:

l’ENEA è un ente di diritto pubblico per l’innovazione tecnologica e i servizi avanzati alle imprese, alla pubblica amministrazione nei settori dell’energia, ambiente e sviluppo economico sostenibile e con centri di ricerca, 2.400 dipendenti ed un contributo annuo dello Stato di 140 milioni di euro;

nel 2014 l’ente è stato commissariato dal Governo Renzi con la nomina a commissario del professor Federico Testa e dei vicecommissari, dottor Tullio Fanelli e dottoressa Cristina Corazza;

nel 2016 il professor Federico Testa è stato nominato presidente dell’ENEA, con i consiglieri di amministrazione Mauro Libè e Alessandro Lanza;

vi sarebbe stato un doppio incarico del professor Federico Testa, commissario e presidente dell’ENEA e allo stesso tempo professore ordinario a tempo pieno presso l’università di Verona, facente funzioni di direttore di dipartimento;

nel periodo di commissariamento vi sarebbe stata la sostituzione irregolare dei revisori dei conti prima della loro scadenza e senza giustificata motivazione, reintegrati dalla sentenza del TAR del Lazio;

nel medesimo periodo ci sarebbe stata la nomina del vicecommissario Fanelli a vicedirettore generale dell’ENEA;

vi sarebbero state forzature e pressioni psicologiche da parte del presidente Testa sui responsabili delle unità tecniche ufficio studi (poi rimosso) e dipartimento energia per far produrre una relazione tecnica compiacente per l’associazione ASSOGAS tesa ad agevolare l’ottenimento di benefici economici legati alle certificazioni energetiche, motivandolo con rapporti di amicizia intercorrenti tra lui ed i manager ASSOGAS;

Il tokamak DTT

la gara di assegnazione della sede di Frascati per la realizzazione dell’impianto sperimentale per la fusione nucleare denominato DTT (divertor test Tokamak) sarebbe stata impugnata da diverse Regioni, con sedi ENEA, partecipanti al bando per le modalità di assegnazione al centro di Frascati con criteri e applicazione non trasparente;

continua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *